RWD – Refractance Window Drying Technology: innovazione e tecnologia nella lavorazione dell’açaí.

RWD – Refractance Window Drying Technology: innovazione e tecnologia nella lavorazione dell’açaí.

L’industria alimentare investe sempre di più nello sviluppo di tecnologie con un impatto positivo in termini di scalabilità, efficienza energetica, costo e, soprattutto, migliore qualità del prodotto finale. Così, negli ultimi anni, una nuova tecnica di disidratazione sta guadagnando sempre più attenzione per i numerosi benefici che presenta, la cosiddetta Refractance Window Drying Technology o Refractive Window Drying Technology.

COME FUNZIONA LA TECNOLOGIA  RWD

Dopo l’igiene, la selezione e l’analisi del frutto, si procede alla spappolatura, che prevede la rimozione del nocciolo, favorendo un succo puro e integrale che viene sottoposto al processo RWD – Refractance Window Drying. Questo succo di frutta viene versato su una sottile pellicola trasparente che forma una sorta di “finestra”, dove avviene l’essiccazione. Il sistema avviene attraverso la capacità di conduzione dell’acqua e ciò che accade è un trasferimento di energia radiante dall’acqua riscaldata attraverso 3 modalità di scambio termico attivo: conduzione, convezione e irraggiamento.

Quando il succo si sposta sul nastro trasportatore (lama in Mylar), attraverso l’evaporazione dell’acqua, l’umidità del prodotto viene eliminata in circa 5-10 minuti. Trattandosi di una tecnica di essiccazione rapida, efficace e delicata, con controllo della temperatura intorno ai 30-70 gradi, le proprietà nutritive e sensoriali del frutto non vengono influenzate. Questa lavorazione preserva fitonutrienti, vitamine, minerali, grassi, colore e sapore dell’açaí. Inoltre, il processo RWD è più efficiente nel trattenere gli antociani rispetto ad altre metodologie di disidratazione, preservando anche il 90% degli antociani.

ALTO CONTENUTO DI ANTIOSSIDANTI

Mentre altri metodi di disidratazione comunemente usati, come la liofilizzazione, l’essiccazione a tamburo e l’essiccazione a spruzzo, espongono il prodotto a pressione e temperature estreme, promuovendo una maggiore instabilità e suscettibilità all’ossidazione, causando la degradazione dei composti bioattivi. L’açaí in polvere ottenuto dal processo RWD ha una struttura uniforme e priva di porosità, il che contribuisce alla riduzione dell’ossidazione e alla conseguente formazione di radicali liberi.

Il contenuto di polifenoli e antociani presentato nei prodotti in polvere corrisponde rispettivamente a 28.000 e 5.300 mg / kg, a conferma dell’efficienza e dell’efficacia di questo processo innovativo utilizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *